Pizza DOC ed il premio di 50 Top Pizza

Il 2020 si è presentato e continua ad essere un anno incerto, non per l’Accademia Nazionale Pizza DOC, che è riuscita a creare nuove opportunità in mezzo ad un mare di difficoltà.

Il premio ricevuto durante la  premiazione annuale di 50 Top Pizza ne è la conferma.

Voce di Napoli Award

Tutto il lavoro svolto dal Team Accademia è stato ricompensato con il premio “Voce di Napoli Award” per il lavoro svolto in questi anni nella promozione e valorizzazione della pizza e dei pizzaioli.

Un mese di premi per Pizza DOC, perchè proprio qualche settimana fa ha ricevuto un’ulteriore riconoscimento, alla nona edizione di Ritratti di Territorio.

Un anno di soddisfazioni per tutto il Team Accademia, che si si impegna non solo ad realizzare percorsi formativi di qualità, ma anche a rappresentare la figura della pizza e del pizzaiolo in eventi importanti, come il Festival di Sanremo e la Mostra del cinema di Venezia.

Tutti i premi del Team Accademia

Nelle classifiche stilate da Barbara Guerra, Luciano Pignataro ed Albert Sapere, i curatori di 50 Top Pizza, sono entrati anche alcuni degli Istruttori del Team Accademia:

  • il pugliese d’Austria Francesco Calò, secondo posto con la sua enopizzeria “Via Toledo” di Vienna come migliore pizzeria d’Europa da 50 Top Pizza ed ha ricevuto il premio “Best Wine List 2020 – Consorzio Tutela Prosecco DOC Award” ed il “Performance of the year 2020 – Pastificio Di Martino Award”;
  • il romano Gabriele Bonci che con la sua “Pizzarium”, mecca mondiale della pizza in teglia, si è classificato al primo posto nella categoria “Migliori pizze in viaggio”;
  • il pizzaiolo con il cappello Salvatore Lioniello con la sua “Pizzeria da Lioniello” (21° posto) di Succivo, in provincia di Caserta;
  • il “sacerdote” degli impasti, Raffaele Bonetta che con la sua pizzeria “Ciarly” a Napoli si posiziona al 29° posto;
  • Valerio Iessi e Daniele Ferrara con la loro pizzeria “I Borboni” di Pontecagnano, alle porte di Salerno;
  • Vincenzo Capuano con la sua catena di pizzerie tra Napoli e provincia;
  • Il grande maestro calabrese Vincenzo Fotia con la sua omonima pizzeria di Siderno, in provincia di Reggio Calabria;
  • Guido Palladino di “20 Pizza & Delicious in Teglia” di Cava de’ Tirreni, in provincia di Salerno.

Un anno importante per Pizza DOC, che non si è fermata ma ha continuato a garantire la formazione dei suoi corsisti.